/ / Quanto spesso dovresti sostituire il tuo loofah per tenerlo dal trasformarsi in una cascata di germi?

Quanto spesso dovresti sostituire il tuo loofah per tenerlo dal trasformarsi in una cascata di germi?

luffa

Cosa succede se ti abbiamo detto la cosa che hai pensatostava offrendo una pelle pulita e setosa che era in realtà un terreno fertile per i batteri? Ecco la verità sfortunata: i Loofah non sono i salvataggi che sembrano essere. Questo perché le cellule morte della pelle si aggrappano ai nook e alle crannie del loofah dopo averlo utilizzato per strofinare la pelle. "Poi, li metti in questo ambiente nella doccia che è calda e umida e grossolana, ed è un set per batteri, lieviti e muffe per crescere nel loofah", dice J. Matthew Knight, MD, un Orlando dermatologo con Knight Dermatology Institute.

Uno studio infame pubblicato nella Journal of Clinical Microbiology i loofah trovano un'ampia gamma di batterispecie, e la crescita di batteri letteralmente accade durante la notte. Ma aspetta, peggiora: se utilizzi il loofah germe-riempito sopra la tua pelle appena rasata, i batteri hanno la possibilità di scivolare in tutti i punti che possono provocare irritazioni e infezioni. Questo è il motivo per cui Knight valuta che 9.8 su dieci dermatologi avrebbe raccomandato di usare un luffo.

Non gli amanti del pouf di notizie vogliono sentire. Se non riesci a immaginare una doccia senza il tuo loofah, puoi restare fedele ad esso - basta prendere ulteriori precauzioni per assicurare che sia super pulito. Cominciate a sostituirlo frequentemente - ogni tre o quattro settimane per il tipo naturale e ogni due mesi per un pouf in plastica, dice Sejal Shah, M.D., un dermatologo di New York e collaboratore di RealSelf. Spingere quella timeline in secondo luogo si notano macchie di muffa che crescono su di esso o se il loofah inizia a sviluppare un odore morbido e muffito, dice Shah.

Per farlo durare più a lungo, non lasciare il loofahla doccia, dove l'ambiente umido incoraggia i batteri a crescere. Invece, lasciatelo asciugare da qualche parte dove sia meno umido, ad esempio da una finestra aperta. Se si tratta di una vera pianta di luffa (e non di plastica), è anche possibile disinfettarla con candeggina, suggerisci ai ricercatori di Journal of Clinical Microbiology studia. Shah consiglia di immergerlo in una soluzione di candeggina diluita per cinque minuti una volta alla settimana.

Potresti anche considerare lo scambio del tuo loofahun lavandino. Se lo lascerai nella doccia, però, sarà altrettanto brutto come un luffo, dice Knight. Ma è molto più facile lanciarlo nella lavanderia dopo averlo utilizzato e la sua forma diretta non dà ai batteri la possibilità di intrappolarsi, quindi potrebbe essere un'opzione più sanitaria.

Prestare attenzione a: